Finger food tiepidi e sorprendenti: per cominciare oggi capesante al bacon

Per due giorni, oggi e domani, vi servirò dei finger food che potrete godervi sorseggiando una flûte di eccellente Prosecco di Valdobbiadene fresco al punto giusto, mentre fate due chiacchiere rilassate guardando il lago.
Oggi preparerò per voi delle capesante al bacon semplicissime e squisite e le servirò tiepide.

20150506-021557.jpg
Si prelevano dal guscio i molluschi, si liberano della sabbia residua sotto l’acqua corrente, anche se oggi in commercio si trovano già puliti.
Si utilizza solo la parte più pregiata, la noce, mentre con i coralli si può preparare per esempio un sugo per la pasta*.
Si insaporisce ogni noce con pepe appena macinato e qualche goccia di limone e si avvolge prima in una foglia di salvia e poi in una fettina di bacon fermandola con uno stecchino.
Si cuociono sulla piastra, rigirandole un paio di volte finché la pancetta non diventa croccante e si servono subito.
La vista lago è un optional.

Io preferisco utilizzare solo le noci perché trattandosi di finger food la dimensione è quella giusta e anche la consistenza.
Un eventuale suggerimento per il sugo con i coralli lo trovate nel post https://silvarigobello.com/2014/07/29/insalata-di-capesante-con-unaltra-ricetta-in-omaggio/

Annunci

28 thoughts on “Finger food tiepidi e sorprendenti: per cominciare oggi capesante al bacon

  1. Pensavo di trovare la ricetta con le capesante nella prossima settimana ed invece non hai voluto disattendere le aspettative, sempre in prima linea!
    E vorrei essere davvero davanti ad uno splendido lago, ammirare il paesaggio da fiaba con un finger food in mano che preme per essere assaporato. E invece … scartoffie e scartoffie che premono per essere consultate senza neanche la spinta di un Prosecco per dimenticare!
    La ricetta la tengo però al caldo perchè arriverà il momento di prepararla e se la buona vista non sarà il lago sarà il mare ma io questi finger food li voglio provare in compagnia di un fresco Prosecco e perchè no? come consigli tu con due chiacchiere in buona compagnia. 😉
    Un abbraccio cara Silva
    Affy

    • Ciao Affy, ma tu ti riferisci al commento di ieri di Stefan in relazione al sugo di canestrelli? Faccio anche le linguine, o i vermicelli vediamo, la prossima settimana probabilmente con le capesante intere, come ho anticipato.
      Questa è un’altra ricetta, la metà di un antipastino che concludo domani.
      Sai, molti mi chiedono come faccio a postare una ricetta al giorno… in realtà suddivido ogni pasto e lo centellino quotidianamente.
      Mi dispiace per le scartoffie, ci sono passata, ma dato che erano un mezzo e non un fine… ci passavo sopra!
      Ti abbraccio anch’io, felice pomeriggio e splendida serata.

  2. Mai assaggiato la capasanta, pero’ la conosco di nomea in quanto va di super moda nei ristoranti chic; per questo viene proposta spesso nei programmi televisivi in voga di questi tempi su gran parte delle televisioni nazionali e non.
    Questa ricetta da te presentata mi mette una gran curiosità e una gran voglia di mangiarne tante! Dovesse capitarmi l’occasione non esiterò a gustarne il sapore!

    • Il modo più tradizionale di preparare le capesante è gratinate al forno, o con il vermut, alla francese, oppure si lascia spazio alla fantasia e si creano ricette insolite e deliziose. Ma non è vero sai che siano un’innovazione recente, sono molluschi conosciuti e apprezzati ovunque, meno popolari delle cozze per esempio, probabilmente per via del prezzo, ma le ho mangiate sempre fin da bambina anche all’estero: le Coquilles Saint Jacques in Francia, le Vieiras in Spagna e le Sea Scallops in America, ma sono sempre capesante!

  3. Mamma mia Silva, che sciccheria, oggi noi abbiamo mangiato cose fresche, insalata e tonno di coniglio, gelato e macedonia, ma vorrei fare un giretto da te, non solo per il buon cibo!!! Baci tesoro, oggi caldo, finalmente, 🙂

  4. Semplici, deliziose ed eleganti. Come fare centro in un baleno. Una volta le ho provate con il lardo di Colonnata ed erano buonissime, ma l’abbinamento salvia-bacon non è per nulla da meno, anzi. Se dovessi deciderle di cucinarle io, le farei proprio come te. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...