La peperonata di mia nonna

Estate: tempo di melanzane, zucchine e peperoni, che si possono cucinare in mille golosissimi modi.
A noi piace molto la classica peperonata, per esempio, che preparo nel modo più semplice e basico che possiate immaginare: mettendo tutti gli ingredienti insieme a freddo in una casseruola e lasciandoli cuocere lentamente.
La ricetta è una delle tante di mia nonna Virginia. Ovviamente.

20150724-232751.jpg
Le dosi sono a numero, non a peso, per ciascun ingrediente, quindi spesso variabili, ma ogni volta la peperonata di mia nonna è una cannonata.
Qui per esempio ci sono 2 peperoni gialli e 2 rossi, 4 cipolle, 4 pomodori ramati sodi e maturi e 4 cucchiai di olio.
Si insaporiscono con 2 cucchiaini di zucchero, sale, pepe e basilico.
All’inizio si cuoce a fuoco vivace mescolando spesso.
Quando le verdure si sono leggermente appassite si abbassa la fiamma e si porta a cottura a fuoco dolce.
Si aggiunge una spruzzata di aceto balsamico, si lascia evaporare e si aggiusta di sale se occorre.
La peperonata di casa nostra è pronta ed è squisita sia tiepida che fredda.

A fine cottura si può anche spolverizzare di prezzemolo tritato, volendo.
L’aggiunta dello zucchero fa caramellare le cipolle e i peperoni e toglie l’acidità ai pomodori.

Annunci

23 thoughts on “La peperonata di mia nonna

  1. Cara Silva, la tradizione non è acqua 😉 Se non avessimo alle spalle questa cultura (nonni compresi) non potremmo andare avanti in cucina 🙂
    Grazie per le tue preziosissime ricette.
    besos
    sally

  2. Eccomi tesoro, sono un po’ uccel di bosco ma arrivo proprio in questa ricetta favolosa della tua nonna, noi adoriamo tutti la peperonata, la preparo piu’ o meno cosi’, mia mamma metteva i pelati, quelli che facevano in questa stagione, la tipica conserva, grazie per questa ricetta, sei un tesoro, ci regali sempre delle preziose idee, questa e’ antica, vale di piu’, 😀 vado a leggermi l’insalata con i fichi, io li adoro, bacioni cara, tvb, tantissimo, ❤

    • Eh la peperonata della nonna con quella puntina di zucchero è proprio speciale!
      Ma tu hai anche un fico nell’orto?! Hai sempre di tutto intorno alla tua bella casa, amorevolmente coltivato e che da frutti di tutti i tipi!
      Ciao cara, sei in giro anche stasera…?

      • Ho le pere, di due tipi, adesso sono ancora verdi, due piante di albicocche, gia’ finite, una pianta di prugne, quelle chiare ma quest’anno non ce ne sono e avevo un fico, i frutti erano buonissimi, ai tempi, poi non li ha piu’ fatti, non voglio piu’ piantare un albero di fichi perche’ sporca parecchio poi arrivano i calabroni e con Willy non posso proprio, lui gioca con tutto quello che si muove, 😀 Silva stasera non siamo andati in giro, e’ nuvoloso e c’e’ una bell’arietta fresca ma non mi lamento, sto benissimo, baci tesoro bello, ❤

  3. Io purtroppo non posso citare piatti delle nonne perchè quella materna non l’ho mai conosciuta e quella paterna è morta che ero molto piccola. La peperonata ho iniziato a cucinarla quando mi son sposata perchè mia mamma era allergica al peperone quindi non poteva neanche sentire l’odore

  4. Pingback: Un panino non è mai banale | Silva Avanzi Rigobello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...