Quando anche i fagioli diventano eleganti

In questo periodo alle soglie dell’autunno in moltissimi Blog appaiono zuppe, vellutate e minestre di verdure che sono realmente un piatto eccellente che a cena scalda il cuore… in attesa che venga accesa la caldaia per far partire il riscaldamento condominiale.
Per non essere da meno, anch’io oggi parlerò della mia Crema di Fagioli Cannellini, che sembra una vellutata nella consistenza, ma non lo è perché non è arricchita da panna o latte.
La scelta per questo piatto dei fagioli cannellini anziché dei più comuni e regionali borlotti, è perché volevo una crema chiara ed elegante da servire in apertura di una cena non solo in famiglia e questa mi è sembrata una bella soluzione.
La variante in tinta avorio della minestra di oggi dunque, si armonizzava perfettamente con la tovaglia e i crostini di focaccia appena dorati e quasi sommersi di formaggio Fontina affettato sottile sottile con l’affettatartufi (o il pelapatate, ma in questa cornice di voluta e ostentata eleganza fa più fico usare l’affettatartufi) erano un tocco proprio chic.
L’aggiunta dell’erba cipollina ha solo un effetto decorativo e spezza con estrema raffinatezza la monocromaticità del piatto…
Ma adesso scrolliamoci di dosso tutta questa vanagloria e veniamo al sodo.
Vi invito dunque a dare un’occhiata al risultato appena descritto e a poi passare alla ricetta.

20141002-002556.jpgQuesta è una crema che cucino in pentola a pressione: non è obbligatorio ma semplifica la preparazione.
Affetto a velo 200 gr di scalogni e li faccio stufare con 50 gr di burro e 3-4 foglie di salvia.
Prima che diventino dorati unisco 1/2 kg di patate a cubetti e 300 gr di fagioli cannellini secchi fatti reidratare in acqua per qualche ora (oppure 1/2 kg di quelli freschi già sgranati, se li trovate: qui nel Veneto è difficile).
Aggiungo 750 ml di brodo di pollo, oppure vegetale se preferite, chiudo la pentola a pressione e dal fischio faccio cuocere 25-30 minuti.
Intanto taglio a cubetti della focaccia, magari fatta in casa, e la passo in forno a dorare giusto qualche minuto perché diventi croccante ma non troppo colorita per non sciupare l’effetto shabby del piatto.
Quando la minestra è pronta, sfiato e apro la pentola a pressione. La frullo col minipimer a immersione, aggiusto di sale, spolverizzo di pepe bianco, servo nel piatti, aggiungo qualche crostino e ci affetto sopra abbondante Fontina che col calore finirà per fonderai completamente.
Completo con qualche stelo di erba cipollina e porto subito in tavola.

Ecco la mia ricetta di oggi: facile, saporita e anche un po’ ironica tanto per divertirci.
Nonostante l’assenza di panna, l’origine della ricetta è francese e il formaggio utilizzato naturalmente anziché la Fontina era il Gruyère, ça va sans dire.

Annunci

33 thoughts on “Quando anche i fagioli diventano eleganti

  1. che meraviglia…. io ho sempre paura che i fagioli diano quella sensazione un po’ “grumosa” dovuta alla pelle… frullandola rimane morbida morbida?
    Perché io adoro le creme morbidissime…. magari senza panna come l’hai fatta tu!

  2. Questa crema salata è ottima per questa stagione dove il freddo comincia a farsi sentire accompagnato dai primi starnuti. 🙂
    Il colore del cannellino è decisamente elegante, un bianco avorio che rende chic la tavola 😉 I piatti e una tovaglia che per i colori ben s’accompagnano con questa ricetta li ho … non mi resta quindi che darmi da fare!
    Ho molto apprezzato Silva, ogni tanto qualche ricettina semplice viene proprio utile.
    un abbraccio
    Affy

    • Hai ragione! In genere posto ricette piuttosto elaborate e fantasiose per dare uno spunto in più, partendo dal presupposto che la base della cucina classica sia già nel vostro curriculum…
      Se hai voglia di una minestra di legumi ne suggerisco caldamente l’abbinamento con la tovaglia avorio, se invece fosse stata verde, avresti potuto realizzare un’altrettanto eccellente zuppa di piselli…
      Buon pomeriggio, Affy del mio cuore!

  3. Adoro le zuppe, le creme e le vellutate, la tua e’ molto chic, mi piace tantissimo, il fatto che non hai messo la panna, io non posso proprio, me la fa apprezzare ancora di piu’, bravissima Silva, baci cara, passa una bellissima serata! ❤

    • Grazie Laura, ricambio, sperando sia davvero serena per tutti.
      Faccio spesso queste minestre di legumi aggiungendo una o due patate che creano la base “vellutata” e vengono benissimo.
      I cannellini usati al posto dei classici borlotti l’hanno resa molto delicata ed elegante.
      Ciao cara!

  4. Copiata l’eccezionale ricetta!!! Qui in Toscana e’ più facile trovare i cannellini che i borlotti.
    Userò gli zolfini che sono un presidio slow food del Casentino dal gusto superbo…..ti saprò dire!!!!
    Buona serata Silv

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...