Piccole cheesecake come antipasto

Come accennavo ieri, un goloso antipasto che ho preparato nel periodo Natalizio prevedeva l’utilizzo della mia composta di cipolle rosse di Tropea: ecco il risultato finale.

20141216-143426.jpg
Si frullano 200 gr di cracker Ritz, oppure Tuc Saiwa, con 100 gr di burro a temperatura ambiente. Si compattano sul fondo di 12 coppapasta e si mettono in frigorifero per un’oretta.
Intanto si lavorano con una spatola 250 gr di formaggio Philadelphia al salmone con 200 gr di robiola al tartufo e 50 gr di parmigiano grattugiato.
Si mettono ad ammollare in acqua fresca 10 gr di gelatina in fogli, si strizzano, si sciolgono in una tazzina con 2 cucchiaiate di Gin caldo e poi si aggiungono ai formaggi.
Si insaporisce con un pizzico di pepe, si mescola con cura e si suddivide questo composto sopra le basi di cracker ben fredde e compatte.
Si fa aderire bene e si rimette in frigorifero.
Al momento di portarli in tavola, si impiattano facendoli uscire dai coppapasta e decorandone le sommità con un cucchiaino di quella composta di cipolle rosse di Tropea di cui vi ho dato la ricetta ieri e qualche germoglio.

Se non si avessero a disposizione dei coppapasta alti e stretti, si potranno preparare le singole cheesecake nei bicchierini con un risultato altrettanto esteticamente accattivante, mentre il gusto non cambia. Ovviamente.

Facile, fresco, squisito

Oggi vado un po’ di fretta, ma ci vogliono solo due minuti per descrivere il piatto che ho in mente, perfetto per il grande caldo, per un pranzo veloce, per surclassare la solita Caprese.
Non si cucina nulla, si compra tutto al Supermercato e si è comunque felici.

20140629-010815.jpgServe un piatto su cui stendere 200 gr di fettine di Bresaola (io prendo la punta d’anca, la più pregiata) che si insaporisce con una macinata di pepe alla Creola, quello tutto colorato, molto decorativo anche da tenere sulla tavola.
Sopra si fanno cadere a minuscoli mucchietti 2 confezioni di Robiola al tartufo.
Si tagliano a metà e si condiscono con olio, pepe e sale una decina di pomodorini a grappolo. Si distribuiscono sul formaggio.
Si condisce il tutto con un giro di olio tartufato.
Se si deve fotografare si completa con 2 foglioline di basilico, giusto per un discorso cromatico, se no si mangia così, bello fresco.
Proprio un pranzo no stress, eh?!