Pollo alla Folies Bergère, o più semplicemente: Pollo brasato ai funghi

Domenica avevo in mente di cucinare il leggendario Pollo Zoppo (https://silvarigobello.com/2014/05/17/la-ricetta-del-primo-anniversario-del-mio-bolg-un-nostalgico-pollo-zoppo/) ma dato che ero già immalinconita per una serie di problematiche personali, ho preferito non commuovermi con i ricordi.
Quindi il pollo già tagliato a quarti dal macellaio, ha cambiato destinazione ed è diventato quello che ho chiamato Pollo alla Folies Bergère perché vagamente assomiglia al francesissimo Coq au Vin. Mi dovevo ben divertire per non farmi trascinare nella Palude della Tristezza, no?!

20150426-113843.jpg
Si fanno rosolare in una casseruola 150 gr di pancetta a dadini con 20 gr di burro, si aggiungono 200 gr di cipolline sbucciate e si fanno rosolare.
In un altro tegame si fanno saltare con 1 cucchiaio di olio e 2 spicchi s’aglio schiacciati 200 gr di funghetti coltivati piccoli piccoli, interi o affettati. Quando tutta la loro acqua di vegetazione si è assorbita, si sala, si pepa, si elimina l’aglio e si aggiungono alle cipolline..
Con 2 cucchiai di olio si fa dorare nello stesso tegame passato con la carta da cucina 1 pollo bello grosso tagliato in 8 pezzi con 1 rametto di rosmarino e 2 rametti di timo avvolti in 1 foglia di alloro e legati per poter essere recuperati facilmente a fine cottura.
Si versa nel tegame 1/2 litro di ottimo vino rosso della propria zona. Io ho usato il Valpolicella Classico.
Si aggiusta di sale e di pepe, si aggiunge 1 cucchiaino di doppio concentrato di pomodoro e a tegame coperto si lascia cuocere circa 3/4 d’ora.
Se occorre si fa restringere il sugo e si eliminano gli odori, si versano nel tegame le cipolline e i funghi e non appena si sono scaldati si può servire.

È un piatto fantastico con la polenta, che non troverete mai nel menù delle Folies Bergère…
Mi perdoneranno gli amici francesi per questa trasgressione.

Annunci

39 thoughts on “Pollo alla Folies Bergère, o più semplicemente: Pollo brasato ai funghi

  1. Vedo che anche tu ti fai passare le malinconie in cucina; quando prepari un piatto devi essere concentrato solo su quello così i cattivi pensieri si allontanano almeno per un po’.
    Ottima la tua versione del Coq au vin.

  2. Il pollo zoppo mi è rimasto nel cuore ma questo suo “cugino” non è affatto male: una ricetta sicuramente interessante piena di odori e profumi. Funghi e cipolle sono la cornice ideale per questo protagonista d’eccezione che fa bella mostra di sè in questa superba fotografia.
    Un bacione Silva ♥

    • Grazie Affy, se nello stato d’animo in cui ero nel week end avessi cucinato il pollo zoppo… Troppe emozioni, troppi ricordi! Questo poulet un po’ alla francese invece è stato un eccellente compromesso.
      Buon pomeriggio, cara.

  3. Buonoooo! quel sughetto è buono solo a vederlo, se ci penso su sento anche il profumo, ricettina da fare, proprio oggi ho comprato un’enorme pane toscano cotto a legna con farina macinata a pietra, puoi immaginarti con quel sughetto!!! che leccornia! Brava Silva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...