Créme Caramel all’ananas

Quella che chiamiamo abitualmente crème caramel, è una crema compatta e setosa a base di latte e uova di origine non francese ma portoghese, con uno strato di caramello liquido in superficie, a differenza della crème brûlée, che è invece una crema dove il caramello in superficie è uno strato duro ottenuto col cannello caramellizzatore o sotto il grill.
Sono entrambe creme che andavano molto più di moda negli anni Settanta che non ultimamente, ma un po’ che sono una sentimentale, un po’ che continuano a piacermi, non ho mai smesso di farle.
Per variare la solita ricetta della crème caramel, ho aggiunto questa volta l’ananas e dato che il risultato è stato molto apprezzato, desidero condividere la ricetta, semplice ma molto golosa.

20150528-134941.jpg
Ho preparato la crema facendo sobbollire dolcemente per qualche minuto 1/2 litro di latte con una bacca di vaniglia intera.
Ho spento il fuoco e lasciato la vaniglia in infusione circa mezz’ora.
Intanto ho sbattuto 4 uova con 100 gr di zucchero, ho eliminato la vaniglia e aggiunto il latte al composto di uova.
Ho mescolato per amalgamare bene gli ingredienti e sono passata alla preparazione del caramello.
Per questa versione della créme caramel all’ananas io ho utilizzato quello sciroppato in scatola e per preparare il caramello ho usato 150 gr di zucchero e 2 cucchiai del suo sciroppo.
Ho fatto fondere lo zucchero a fuoco molto dolce, finché il caramello non ha assunto il suo caratteristico colore ambrato e l’ho distribuito sul fondo di 6 stampini.
Ho rifilato leggermente con un coppapasta tagliente 6 fette di ananas per avere l’esatta dimensione, le ho fatte caramellare in padella con 1 bicchierino di rum e ne ho appoggiata una sul fondo di ogni stampino, sopra il caramello.
Ho distribuito il composto di uova e latte, appoggiato gli stampini in una teglia da forno e ho versato tanta acqua bollente da coprire metà dell’altezza degli stampini.
Ho infornato a 160 gradi per 45-50 minuti. Li ho poi lasciati raffreddare a temperatura ambiente.
Li ho passati infine in frigorifero e ho lasciato rassodare la créme caramel per 4-6 ore.
Ho capovolto gli stampini nelle coppette da macedonia e le ho servite.

Io preferisco non servirmi dei piattini da dessert perché in preparazioni come questa, dalle coppette si può prelevare il caramello col cucchiaino con più facilità.
Ho scelto l’ananas in scatola perché è più morbido e anche più facile da caramellare.

Annunci

14 thoughts on “Créme Caramel all’ananas

  1. Io adoro la créme caramel! L’ho assaggiata dopo aver visto per la prima volta il film di Amélie e da allora me la preparo spesso (però quella confezionata, a farla così ho un po’ di timore di combinare un pasticcio!)

  2. Io preparo spesso budini al cioccolato e la créme caramel, fatti in casa, sono per il mio viziatissimo papa’ che adoro, devo provare la tua all’ananas, sono sicura che e’ buonissima, baci tesoro bello, buonanotte, stasera ho male a un fianco, ogni tanti i miei dolori cambiano posto, stamattina ho voluto uscire, ben vestita, a piedi, per spese in paese ma c’era una nebbia, mamma mia, incominciamo bene, ho preso tutta l’umidita’ che c’era, come un umidificatore perche’ quando sono tornata a casa la nebbia non c’era piu’, 😀 😀 😀

    • Ohi ohi, oggi qui c’era un sole fantastico e ho camminato, ma stasera mi è tornato quel dolore all’alluce che mi ha tormentato per mesi prima dell’estate. Sto indossando dei mocassini Tod’s, ma dovrò tornare ai sabot Birkenstock, finché non comincia a piovere!! Anche i miei dolori sono itineranti sai… Ci vuole pazienza, comunque meno male che ci si può tirare su con un dolcetto buono e carino come questo, vero?
      Buona notte Laura, chissà che domani non vada meglio. Ti abbraccio.

      • Passano i dolori Silva, mi dispiace per dolore che hai di nuovo, sara’ che ti sei stancata, i mocassini sono troppo belli e anche comodi, lascia perdere quei sabot!! Il tuo dolcetto lo faro’ questa settimana, mi piace tantissimo, baci cara, tvb, ❤ notte serena!

      • Noi con la crème caramel abbiamo bevuto il Recioto Bianco di Soave, un vino dolce leggermente passito, assolutamente fantastico. Con quello che è rimasto, oggi ho cucinato il piatto che posto domani, non perdertelo! Ti abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...