Polenta e renga

Finiti i festeggiamenti di ieri, rimettiamoci al lavoro condividendo una squisita ricetta Veronese tradizionale della Quaresima.
Parona è una frazione di Verona affacciata sull’Adige che ha rivestito nei secoli scorsi una grande rilevanza in quanto importante porto doganale per le merci in arrivo per via fluviale dal Nord Europa.
Ancora all’epoca del baratto, grazie al pagamento “in natura” dei barcaioli che sostavano nelle locande e osterie di Parona, l’aringa è approdata sulle rive del nostro Adige.
Il Mercoledì delle Ceneri qui tradizionalmente di festeggia il primo giorno di Quaresima con la preparazione e la vendita in piazza di un piatto eccellente e antico: l’aringa affumicata accompagnata dalla polenta.
Ci sono molte ricette per preparare “la renga” che è uno dei fondamenti della cucina povera Veronese.
Una delle migliori che abbia mai mangiato è quella che fa il nostro amico Franco, che abitando a Parona ha sempre la felice idea di invitare un gruppo di amici a festeggiare in taverna l’inizio della Quaresima preparando personalmente questo piatto squisito.

20150226-174755.jpgCi sono due modi per cuocere le aringhe affumicate, che si acquistano intere oppure a filetti sotto vuoto, decisamente molto più pratici, nei negozi che vendono il baccalà, le alici salate, le olive, i capperi sotto sale.
Il metodo più antico prevedeva la cottura delle aringhe sulla graticola posta sulle braci, ma oggi cucinarle può essere più semplice.
La ricetta di Franco, alla quale vi suggerisco di attenervi se intendere provare questo piatto straordinario, è la seguente, passo passo.
Dopo aver privato le aringhe della testa e della coda, si spellano e si fanno bollire 2-3 minuti in abbondante acqua e latte in parti uguali per togliere la troppa salinità.
Si scolano, si diliscano con cura e si spezzettano.
Si accomodano in un contenitore con il coperchio e si condiscono con abbondantissimo olio, prezzemolo tritato, aglio a fettine, capperi sott’aceto e (facoltativo) alcune falde di peperone rosso e giallo scottati sulla griglia e tagliati a striscioline.
Naturalmente più tempo si lasceranno le aringhe a macerare con questi ingredienti, più saporito risulterà il piatto.

È ovvio che “la renga” oltre che tradizionalmente il Primo di Quaresima è una specialità che si può gustare con soddisfazione durante tutto l’arco dell’anno, basta avere la pazienza di prepararla
È un piatto rustico e antico pieno di sapore, stuzzicante e deliziosamente sapido.
La indispensabile polenta che lo accompagna può essere morbida o “brustolà”, cioè passata sulla griglia, dipende dalle vostre preferenze.

Annunci

22 thoughts on “Polenta e renga

    • Mettiamoci d’accordo!
      Sai Manu, a casa della mia bisnonna Libera, che aveva 9 figli e anche i suoceri in casa, con un’aringa li faceva mangiare tutti più volte…
      La preparava con tantissimo olio (perché quello non mancava mai data la presenza degli ulivi intorno al mulino del mio bisnonno) e tanti capperi che i bambini raccoglievano sui muri del cimitero e della chiesa e lei metteva sott’aceto. Cuoceva l’aringa (unico ingrediente acquistato) sulla “gradela” sopra le braci del camino e la metteva in un vaso con gli altri ingredienti per almeno un mese.
      Preparava una polenta infinita che versava sul tagliere tondo, la “panara”, e la condiva in sostanza solo con l’olio dell’aringa e i capperi.
      Qualche pezzettino di aringa finiva sulla polenta, ma il resto restava nel vaso, che veniva rabboccato con altro olio e la “renga” durava almeno per tutta la Quaresima.
      E mia nonna, la mia adorata nonna materna che cito spesso, mi diceva sempre di essere una privilegiata per non aver mai sofferto la fame da bambina. Quanto avremmo da imparare, vero, se solo ci pensassimo un po’ su?!

    • È un piacere che le nostre ricette storiche addirittura, quindi più che tradizionali, siano approdate al di là del mare! Anche tu ami i sapori decisi, quindi la “renga” di Parona dovrebbe piacerti non poco. Se vuoi, puoi evitare la polenta, che probabilmente è molto lontana dalle tue abitudini alimentari!

  1. Silva, questo piatto ha un aspetto veramente delizioso e invitantissimo,< anche se l'aringa affumicata non l'ho mai mangiata. Non so neanche se la troverei dalle mie parti!

    • È in realtà un ingrediente tipico del Nord Europa, dove è usatissimo.
      Come raccontavo, da noi (proveniente dal Trentino) è approdato grazie al trasporto fluviale e gli abitanti di Parona ne hanno fatto un piatto tipico della nostra zona. Ho accennato a Manu (Ortolandia Una favola in tavola) come la mia bisnonna la utilizzasse con estrema parsimonia nei difficili anni di fine Ottocento, primi Novecento. Adesso la “renga” è cucinata raramente, come una vera specialità molto chic!

  2. Che piatto gustoso Silva, mi piace tantissimo, io adoro la polenta e cosi’ preparata devo farla assolutmente prima del bel sole e del caldo, bello anche il tuo racconto, baci tesoro, buonanotte e buon martedi’, ❤ ❤ ❤

  3. La tua memoria ci sta regalando autentiche perle delle quali non posso che compiacermi e per questo ringraziarti.
    Conosco l’aringa con il suo gusto forte ma certo non conoscevo questo magnifico piatto, una ricetta che abbraccia gusto e tradizione.
    La fotografia rende giustizia alla specialità di Franco che sinceramente viene voglia di gustare.
    I tempi di preparazione sono un pò lunghi ma l’attesa sarà ben ripagata, ne sono certa dall’entusiasmo che trasmetti nel proporla.
    La saggezza della tua bisnonna Libera era fenomenale, con la sola idea riusciva a sfamare la famiglia. 🙂
    Un ringraziamento particolare a Franco, se legge il tuo blog.
    A te sempre il mio abbraccio grande
    Affy

    • Grazie Affy. Il blog lo legge la moglie di Franco, Renata, che non mancherà di riferirgli i tuoi complimenti.
      La polenta e l’olio hanno nutrito tantissime famiglie negli anni difficili dei secoli passati. Polenta e renga, come polenta e salamelle consentivano di sfamare con gusto, solo grazie all’intingolo!
      Tornando ai tempi moderni: questa versione dell’aringa affumicata è straordinaria. Se appena possibile ne consiglio caldamente l’assaggio.
      Ciao cara, ti abbraccio anch’io. Buon pranzo e buon pomeriggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...