Umido di mare con le patate

Durante il periodo invernale mi piace molto cucinare gli umidi.
Adoro gulasch, ossobuco, brasato, spezzatino, tutto quello insomma che si cuoce e si serve con una dose abbondante di sugo denso e profumato che si può accompagnare magari con la polenta.
Alla luce di questa mia predilezione ho cucinato in umido della coda di rospo a bocconcini che si è rivelata un piatto davvero interessante.

20141123-180636.jpgIl procedimento e gli ingredienti sono quelli che tradizionalmente utilizzo per lo spezzatino di vitello con le patate.
Ho fatto appassire con qualche cucchiaio di olio un abbondante trito di sedano, carota e cipolla. Ho aggiunto 1 spicchio d’aglio in camicia, 1 foglia d’alloro, qualche pezzetto di buccia di limone, 2 chiodi di garofano e gli aghi tritati di 1 rametto di rosmarino.
Ho privato della lisca centrale e dei residui di pelle una coda di rospo di circa 600 gr. L’ho sciacquata, asciugata e tagliata a grossi dadi. L’ho leggermente infarinata e versata nel tegame del sugo e poi spruzzata con 1/2 bicchiere di vino bianco.
Ho aggiunto 1 tazza di sugo di pomodoro, 2 grosse patate lessate a metà tagliate a pezzetti e ho regolato di sale e pepe.
Ho cosparso di prezzemolo tritato e portato a cottura.

Volendo si può preparare una polenta morbida (meglio se bianca) e sistemarla come base per una generosa porzione di questo “spezzatino” di mare.
La coda di rospo può essere sostituita per esempio con il merluzzo. Un pesce più modesto ma molto adatto a queste preparazioni.

Annunci

37 thoughts on “Umido di mare con le patate

  1. Ma quale caffè per spezzare la mattina … io voglio una porzione di umido di mare con le patate, quello che hai scritto mi ha regalato una voglia pazzesca e con la fotografia si è alimentata paurosamente. 😉
    Quel sughetto profumato tutt’intorno col quale pucciare il pane e queste “polpettine” sono qualcosa di oltre “il delizioso”, pronte così, senza spine, tra i profumi di vino e spezie. Con la polenta poi posso perderci la testa, sono piatti che sanno di focolare, di casa, di cucina domestica. 🙂
    Ho iniziato bene la giornata! 😉 Grazie Silva cara.
    un grande abbraccio da Affy

    • Mi riempi di gioia con questo commento, Affy! Ti confermo che è un piatto davvero gustoso e invitante. Gli amanti degli umidi secondo me troveranno irresistibile questa alternativa “marinara”.
      Buon Mercoledì delle Ceneri, che si porta via il Carnevale: se non fosse stato per il costume da moschettiere del mio nipotino, non me ne sarei nemmeno accorta quest’anno: ho fatto le frittelle solo una volta!!

  2. Ciao Silvia,
    non mangio da un po’ la rana pescatrice, tanto brutta e crudele nelle sue abitudini marine e tanto buona in cucina. Da buona siciliana me la cavo bene col pesce che preparo spesso anche in umido. Qui mi hai dato un buon suggerimento:inserire le patate leggermente lesse per evitare una prolungata cottura del pesce che si sfalderebbe. Eseguirò.
    buona serata
    Marirò

  3. E’ ottimo Silva, venerdi’ lo faccio anch’io, e siamo in due, Manu ed io, 😀 ho il merluzzo in freezer e lo utilizzero’ per questo piatto che piacera’ a tutti, ne sono sicura! Menomale che ci sei tu, se non c’eri avrei dovuto inventarti cosi’ come sei, unica chef piena di idee super, 😀 baci cara, ❤

  4. Sai che adoro la rana pescatrice, no? Non l’ho mai preparata in umido, perché ingenuamente pensavo di non poterlo fare. Ma in effetti la sua carne soda e polposa lo permette tranquillamente. Non ho mai assaggiato, tra l’altro, l’abbinamento della polenta col pesce. Non è abitudine di nessuna delle mie terre d’origine. Come sai la Lombardia con la polenta accompagna i brasati o al limite i formaggi e al sud di polenta se ne vede ben poca 🙂 In ogni caso ottimo piatto, nonostante la polenta, non mi farei scappare una bella scarpetta con una bella fetta di pane casereccio 🙂
    un abbraccio

    • Qualsiasi “strumento” si scelga per raccogliere il sugo, questo piatto resta comunque un esempio di come si possano realizzare ricette tradizionalmente di carne anche con alcuni tipi di pesce, vero? In Veneto “poenta e pesse” è un classico abbinamento povero e tradizionale perché sono sempre stati due ingredienti di facile ed economica reperibilità nelle nostre zone. Adesso è una proposta molto chic.
      Sai Angiola che la coda di rospo a tranci la preparo anche come se fosse un osso buco? Proprio con la gremolada e il risotto allo zafferano (anziché la polenta stavolta). È insolita e golosa: un gemellaggio con la Lombardia!
      Ricambio l’abbraccio. Buona notte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...