Pasta e fagioli senza pasta

20140129-182542.jpgCon questa ricetta concludo la trilogia della pasta e fagioli.
Dopo quelle “con” (le cotiche e le cozze) oggi una ricetta “senza” (pasta).
La mia ricetta infatti non contempla l’uso della pasta, ma diventa cremosa grazie all’aggiunta delle patate.
Per questa minestra (come per qualche altra) utilizzo la pentola a pressione, ma chi non l’avesse o non fosse abituato ad usarla, può seguire la stessa ricetta allungando solo i tempi di cottura a due ore circa.
Procedo in questo modo: affetto sottilissima 1 bella cipolla bianca e la faccio appassire con qualche cucchiaiata di olio senza farla colorire, nella pentola a pressione, che avendo il fondo molto spesso facilita questo primo passaggio. Salo un po’ subito così, come dico sempre, la cipolla emette la sua acqua e resta morbida.
Con pazienza, mescolando di tanto in tanto ed eventualmente aggiungendo qualche cucchiaiata d’acqua, aspetto che la cipolla diventi trasparente. Ci vorranno 20 minuti circa.
Non abbiate fretta, è proprio la lunga e lenta cottura della cipolla che dà a questa minestra un ricco sapore d’antan.
Aggiungo adesso 100 gr di pancetta tritata (o di grasso del prosciutto), gli aghi di 1 rametto di rosmarino, 2 patate a cubetti e 300 gr di fagioli secchi di Lamon, sciacquati accuratamente e lasciati a mollo tutta la notte in acqua fredda.
Unisco 1/2 litro di brodo vegetale, chiudo la pentola a pressione e a partire dal fischio faccio cuocere per 40 minuti. Spengo e lascio la minestra a continuare la cottura fuori dal fuoco per un’altra mezz’oretta.
Apro il coperchio, col minipimer a immersione frullo la minestra, che deve risultare molto densa e cremosa e la servo con formaggio parmigiano grattugiato e crostini fritti nell’olio passati a parte.

Questa dunque non è una ricetta tradizionale in senso stretto, ma è la ricetta della mia famiglia. Si è sempre fatta in questo modo e da più o meno 50 anni sempre in pentola a pressione.
Riproporla nel blog è il solito modo affettuoso per condividere e ricordare.

Annunci

15 thoughts on “Pasta e fagioli senza pasta

  1. Bella minestra. Credo che il fatto che non ci sia la pasta non tolga assolutamente nulla al piatto e anch’io uso sempre la pentola a pressione per queste preparazioni.
    A presto. 🙂

  2. Ciao Silvia, più che una minestra assomiglia molto ad un passato di verdure…deve essere comunque veramente buona, e quindi da provare. Lo sai che a casa mia mia madre alla sera fa sempre la solita minestra (Patate, prezzemolo, acqua, aglio, riso)? E guai al mondo a cambiare! Quindi, mi sa proprio che, se si deve cambiare, ci vuole la mia mano, sono sicura che i miei apprezzeranno. Vorrei però chiederti una cosa: per ridurre tutti in crema, c’è bisogno del minipimer oppure si può prendere anche la forchetta?A presto cara, un bacione. Roberta.

    • Meglio frullarla, questa minestra perché solo così diventa cremosa, al limite come si faceva una volta a casa di mia nonna, si passa al passaverdura così si eliminano anche le bucce dei fagioli.
      Sai che adesso che stiamo diventando vecchiotti anche noi, la sera preferiamo sempre una minestra, alle abbuffate di ci facevamo qualche anno fa?!

  3. “To share and remember.” That is why I post so many of my family’s recipes, Silva. As I write the recipe, I remember so many wonderful memories associated with that particular dish. It’s wonderful, isn’t it?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...